Il mottetto nel riposo durante la fuga in Egitto di Caravaggio


Il bellissimo dipinto di Caravaggio nella collezione Doria Pamphilj mostra un angelo di spalle intento a suonare un violino - di cui una corda si è spezzata - leggendo le note di uno spartito che San Giuseppe tiene aperto di fronte a lui. Le note ovviamente non erano messe lì a casaccio. Infatti, come si è appurato qualche tempo fa, si tratta di un mottetto del compositore fiammingo Noel Bauldewijn, il cui testo, non riprodotto da Caravaggio, è tratto dal Cantico dei Cantici.

« Quam pulchra es, et quam decora, carissima, in deliciis! Statura tua assimilata est palmae, et tubera tua botris. Caput tuum est Carmelus, collum taum sicut turris eburnea.»
« Veni, dilecte mi, egrediamur in agrum; videamus si flores fructus parturiunt, si floruerunt mala punica; ibi dabo tibi ubera mea. »
 In italiano,
« Quanto sei bella e quanto vaga, o mia carissima prediletta! La tua statura assomiglia a una palma, e i tuoi seni a grappoli d'uva. Il tuo capo è simile al monte Carmelo, il tuo collo a una torre eburnea. »
« Vieni o mio diletto, usciamo nei campi, vediamo se i fiori hanno generato i frutti, se sono fioriti i melograni. Là ti darò il mio seno. »
Secondo Maurizio Calvesi l'intero dipinto sarebbe un'ispirazione al Cantico dei Cantici e il mottetto di Noel Bauldewijn un'allegoria che celebra l'amore mistico dello sposo (Cristo) per la sposa (la Vergine, la Chiesa). Notiamo anche come una scena del Nuovo Testamento, l'apparizione dell'angelo durante la fuga in Egitto, sia simbolicamente ancorata nel testo del Vecchio Testamento a sottolinearne la continuità teologica.  

Peraltro, trattandosi di Caravaggio, non possiamo che ammirare la sublimità aulica dell'angelo e la sua posa sensuale che richiama il contenuto del poema biblico e lo sguardo rapito dell'anziano falegname Giuseppe in estasi di fronte a tanta bellezza e alla rivelazione delle parole del cantico.
 



----------------------------------
Galleria Doria-Pamphilj
Via del Corso 305, Roma

Aperta tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00.
La biglietteria chiude alle 18:00.
Chiusura: 25 dicembre, 1° gennaio, Pasqua.
Aperto anche il 24 dicembre (fino alle 17:00), 1° novembre, Lunedì dell’Angelo, 25 aprile e 1° Maggio.
Per i gruppi è consigliata la prenotazione.


Biglietti
Intero: € 12,00
Ridotto o gruppi, giovani dai 6 ai 26 anni: € 8,00
Gratuito: bambini fino a 5 anni
Biglietto famiglie: € 40,00 (2 adulti e 3 bambini dai 6 ai 18 anni compiuti)
Biglietto scuole: € 5,00 (min. 12 studenti)


Sito web: http://www.doriapamphilj.it/roma/la-galleria-doria-pamphilj/